venerdì 28 luglio 2017

VOLLEY: CERTOSA VOLLEY – KING CUP DON BOSCO BODIO 0-3

COLOMBO IMPIANTI CERTOSA VOLLEY – KING CUP DON BOSCO BODIO 0-3 (14-25 / 15-25 / 10-25)

Colombo Impianti Certosa Volley: Sassi (K), Magani, Pastore, Armondi 5, Razzano 2, De Col 4, Desideri 3, Pricop 2, Ghia 4, Luisetto, Bontempi (L1), Diac 1, Caputo (L2) – N.E.: Marzorati. Allenatori: Cervone e Rossi Borghesano

Ricezione: 26% (Prf. 15%)   Attacco: 20%   Muri: 2   Aces: 5

King Cup Don Bosco Bodio: Volpi 7, Moraghi 7, Ranghetti 2, Re Dionigi 7 (K), Massara 5, Varone 3, Merlotti 15, Orsenigo (L1), Mutti 1 –  N.E: Olgiati (L2), Toniolo, Garbarini. Allenatori: Lucchini e Albani

Ricezione: 29% (Prf. 14%)   Attacco: 46%   Muri: 6   Aces: 10

Arbitri: Rusconi e Foppoli di Sondrio

Per l’ottava giornata del Campionato Nazionale di Serie B2 al PalaCertosa si è giocato lo scontro tra il fanalino di coda Colombo Impianti Certosa Volley e le varesine del King Cup Don Bosco Bodio Lomnago, squadra che naviga a poco più di metà classifica. La gara è stata giocata praticamente a senso unico in quanto l’esperienza e la qualità tecnica della compagine ospite ha fatto praticamente la differenza; le ragazze di Cervone hanno provato ad opporsi allo strapotere bodiese ma nulla hanno potuto. Di questa gara di positivo per la Colombo Impianti rimane una sufficiente ricezione e i pochi errori in battuta mentre è latitato tutto il resto complice la capacità avversaria di velocizzare il gioco di palla con cambi repentini di posizione. Complimenti alla compagine arancionero che per la sua omogeneità e individualità ha dimostrato oggi quantomeno di meritare una posizione in classifica ben più alte di quella attuale.

LA CRONACA

Coach Cervone per l’occasione ha schierato nel sestetto iniziale capitan Sara Sassi come regista a cui è stata opposta Aurora Ghia, in banda ha posizionato Martina De Col e Lucrezia Desideri mettendo al centro Martina Razzano e Elisa Armondi e come libero Annalisa Bontempi. Le varesine sono partite scegliendo uno starting six formato da Chiara Orsenigo Chiara come libero, Merlotti Arianna opposta alla palleggiatrice Greta Volpi mentre sottorete si sono posizionate Irene Re Dionigi e Elisa Massara e al centro Stefania Ranghetti e Simona Moraghi.

La partenza furibonda delle bodiesi ha registrato subito a segno un break di cinque lunghezze e ha costretto coach Cervone a rifugiarsi in timeout; al rientro in campo le pavesi sembravano ancora frastornate e hanno faticato a riprendersi tant’è che al secondo timeout tecnico il margine del vantaggio varesino è risultato vistosamente aumentato (5-16). Re Dionigi e Merlotti in banda si sono trovate a meraviglia e hanno infierito senza particolari problemi, grazie alla elegante regia di Greta Volpi contro il muro certosino; sul finire Aurora Ghia è riuscita a mettere a segno due aces (9-22) mentre Martina De Col ha bombardato con due attacchi vincenti le ospiti costringendo coach Lucchini a ricorrere all’uso del primo timeout per far rifiatare (14-23) le sue neroarancio che al rientro in campo poi chiuso il set (14-25). Nel secondo set entrambe le compagini non hanno cambiato la formazione e la gara è continuata con il medesimo copione anche se le pavesi hanno danno la parvenza di essersi riorganizzate. Le ragazze di Bodio Lomnago hanno però girato la prima boa del time tecnico in vantaggio (3-8) con Irene Re Dionigi che è apparsa emergere su tutte; Bianca Diac è andata poi a sostituire in banda Lucrezia Desideri (3-11) mentre dall’altra barricata anche mister Lucchini ha effettuato i primi cambi. L’orgoglio certosino ha permesso alle ragazze di Cervone una tenue reazione (8-14) anche se il gap tra le due compagini appariva ormai ampliamente definito. Arianna Merlotti sganciava un paio di autentici siluri e permetteva così alle bodiesi di incrementare nuovamente il vantaggio (10-20). Il set a questo punto registrava l’ingresso di Roxana Pricop, che aveva così di esordire quest’anno dopo il lungo infortunio da lei accusato, nonché tre sciabolate consecutive di Elisa Armondi che costringevano coach Lucchini a congelare il tempo (15-21). Un fallo di invasione pavese e un ace di Carla Varone chiudevano il set (15-25). Coach Cervone cominciava il terzo set dando fiducia a Pricop e inserendo anche Pastore in sostituzione di Razzano; le bodiesi, incuranti della resistenza pavese, proseguivano la loro marcia verso il successo sparando colpi a ripetizione che oltrepassavano il muro certosino e generavano subito il primo break importante (1-6) gestito poi senza particolari patemi. Donatella Caputo andava ad alternarsi ad Annalisa Bontempi (2-9) ma la difesa certosina continuava a latitare sotto i colpi di Merlotti e company. Cervone provava a cambiare anche la regia (Magani subentrava a Sassi) ma il destino della Colombo Impianti appariva ormai segnato sebbene coach Lucchini facesse assaggiare il campo alle sue seconde linee alternando così quasi tutta la rosa a disposizione. Il secondo timeout tecnico registrava un gap ormai ben definito e chiaramente incolmabile (5-16) che aumentava a seguito di alcuni errori certosini. Spazio anche per Sara Luisetto che andava a sostituire Roxana Pricop e set che si chiudeva con la parallela vincente di Carla Varone (10-25).

7002 Letto: 2 Views Today
Condividi